Di cose nuove che…

Ho seguito con un “certo” interesse la presentazione di Windows8 al pubblico e non riesco a non dare qualche commento così a caldo.

Per quello che ho visto è una gabbia per utenti e sviluppatori.
Mi spiego un po’: per chi non lo sapesse Windows8 (se resta così com’è nella beta mostrata al pubblico) funziona con l’interfaccia “Metro”, una serie di tasselli ordinati, ognuno dei quali rappresenta una applicazione; la vecchia UI (col desktop e la barra per capirci) diventa una applicazione di MetroUI (per ulteriori informazioni riferitevi al video).
Questo significa che è auspicabile e anzi -considerato che su windows la maggior parte delle applicazioni si vendono- necessario che uno sviluppatore scriva due interfacce per il suo programma, quella classica, retrocompatibile, e quella Metro. Da considerare che un applicazione sviluppata per MetroUI (da quello che sembra) non gira in nessun altro ambiente, quindi ripeto, uno sviluppatore deve scrivere un programma appositamente per questa. Non serve dire che  questo butta nel cestino ogni cosa (o quasi) cross-compatibile fra sistemi visto che per essere usata va caricata nella BRUTTA vecchia interfaccia Win7 che l’utente stesso non vorrà usare perché tutta un altra cosa rispetto all’altra.
Ed ecco qui comparire il secondo piccolo pensiero, l’utente Win8 MetroUI vorrà usare il più possibile applicazioni compatibili con l’interfaccia (riducendo notevolmente la sua possibilità di scelta) e adatterà le sua abitudini alla stessa.
Non di meno sembra sempre più che si abbini un computer ad un elettrodomestico in senso lato (lavatrice e simili), cosa che io non sopporto.

Per me Microsoft sta facendo un grande errore e spero che si fermi in tempo.
Mi ritorna in mente una cosa che ho sempre evidenziato come grossa differenza fra open-source e closed-sorce: nel primo sono gli utenti a creare quello che usano in base alle loro esigenze (con apprezzamento incredibilmente alto proprio per questo), nel secondo c’è qualcuno (di solito molto esperto e competente) che indaga silenziosamente l’utenza e prova a capire di cosa ha bisogno (con risultati più rapidi ma meno precisi nel senso di apprezzamento). Questa volta però Microsoft ha addirittura creato qualcosa di sana pianta, per “stare al passo” anzi “superare” i concorrenti, e gli utenti si devono adattare… lo ripeto, per me è un FLOP annunciato se rimane così com’è, se volessero fare una loro tavoletta digitale con un OS per tavolette basato su MetroUI ok, ma un desktop decisamente no.

Non per spezzare una lancia in loro favore, ma per me chi ha visto meglio l’andamento del mercato tecnologico sono GNOME, Unity e KDE. KDE in particolare si sta sviluppando più lentamente degli altri due ma, pare, con risultati più soddisfacenti. Ho messo la premessa ad inizio frase perché io (come altri) non li ho apprezzati ed infatti uso XFCE come inferfaccia primaria.

Annunci

3 commenti to “Di cose nuove che…”

  1. Non stai considerando che la maggior parte degli utenti usa il computer per navigare su internet e basta. Quindi gli basterebbe un pulsante bello grosso con scritto “Qui c’è l’internet”. Come ha fatto Google con Chrome OS.
    In più l’interfaccia Metro è fatta in HTML che dovrebbe garantire un certo disaccoppiamento tra interfaccia a codice e rendere abbastanza semplice il passaggio da un sistema all’altro.

    • Che fosse in html mi era sfuggita (non che avessi cercato in reltà), grazie per l’info. Sta di fatto che hai ragione, l’articolo l’ho scritto come riflessione personale (come praticamente tutti gli altri). Io sulla mia macchina ho installate 100 cose e 100 uso, niente orpelli inutili, ma nemmeno solo internet/mail/WordProcessor, quindi io ad esempio con win8 o dovrei decidere di tenere di default il vecchio desktop, oppure dovrei diventare matto a sfogliare duecento tabelle di tasselli per trovare quello che mi serve. Tutto il post era riferito a cosa me ne farei io di quell’OS.
      Poi in realtà il problema non si pone perché uso linux con DE xfce però come me di gente ce n’è abbastanza, perlomeno chiunque lavori su un sistema desktop. Per cui per me almeno la clientela desktop di lavoratori salta questa release di Win…
      PS: Certo però che tristezza pensare di gambizzare una macchina efficiente come è un computer (si sa, molte volte la riga di comando è parecchio più veloce delle finestre)

  2. Sarai allora contento di sapere che Windows Server 8 avrà una versione senza interfaccia grafica :-). Sono d’accordo con te comunque: io e tutti i miei colleghi che col PC lavoriamo siamo già sicuri che se l’interfaccia Metro non sarà disattivabile, la prima cosa che faremo a PC acceso sarà passare al desktop “classico”.
    Che poi a ben vedere, Metro limiterebbe solo gli utenti più tecnici, che devono tenere aperti vari programmi contemporaneamente, magari su più monitor. Tutti gli altri utenti “impiegatizi” (chiamiamoli così) che usano Word, Excel e il browser solo nelle pause, probabilmente saranno anche più comodi con un’interfaccia semplificata… Stiamo a vedere! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: