10 anni dopo

Poco meno di due anni fa ho riprovato, dopo una decade, la stessa emozione della “prima volta” che ho sistemato un pc
Era l’aprile del 2008 e da più di due mesi stavo aspettando l’uscita della nuova versione di ubuntu-linux (8.04) che si prospettava come la prima versione “completa” e quindi in grado di concorrere con le grandi (Mac, Windows)

Scaricata la ISO del DVD ho cominciato l’installazione #Non senza problemi di vario genere, primo fra tutti la mancanza di un collegamento internet a casa, dove lo stavo installando…
Poiché ero molto abituato all’ambiente windows #Al punto di cliccare sempre in basso a sinistra invece che in alto per giorni e aver cercato tutte le mie applicazioni win, per linux… l’approccio è stato parecchio difficoltoso per qualche settimana ma dopo che (con qualche ricerca e un bel po’ di buona volontà) ho imparato come girava l’universo open-source/linux, è stata per me una gioia continua ogni cosa nuova che imparavo per sistemare i problemini #Che devo dire all’epoca su linux erano parecchi, col tempo però mi sono accorto che mentre i problemini erano tanti, i Problemi erano pochi/nessuno a partire da filesystem, bootloader, VIRUS!

Tuttora, la mia gioia informatica è un pendolo che dondola ad ogni uscita di una distribuzione linux (da Puppy, Backtrack a Debian, Ubuntu, Fedora) #Prima o poi mi deciderò di pubblicare un grafico cartesiano della variazione istantanea della mia gioia informatica su y/dt con evidenziate le date di uscita delle principali distro linux…

#Se ritenete che il paragrafo precedente sia esagerato come lo ritengo io… commentate, ora potete grazie ad un “rimprovero” della Fede

La forza di linux sta nel numero e nel no-profit: per quante idee possano avere alla Microsoft, alla Apple o a qualsiasi altro brand proprietario non ne avranno mai come nel mondo linux perché questo è tutto il mondo che pensa…
C’è una grande sezione chiamata brainstorming dove vengono ordinate per utilità tutte le idee che vengono mandate, decidendo se sono “necessarie”, “utili” od “obsolete”; questo permette di originare un sistema operativo come lo vogliono gli utenti, e non come viene loro imposto #Posso assicurare che la differenza che è abissale
Per quanto riguarda i problemi c’è un’altra sezione chiamata bug, dove ognuno posta i problemi che riscontra che vengono etichettati come “fallimento sistema”, “grave”, “medio” o “ignorabile”; il log dei problemi viene indirizzato al gruppo che ha creato il programma con errori che provvede in base alla priorita data dall'”etichetta” #Solitamente sono molto veloci con problemi comuni a molti utenti (max una settimana)
Linux, come Mac, non PUÒ avere virus, perché solo windows permettere a file eseguibili di auto-caricarsi senza chiedere il permesso (anche in windows7…), perciò il sistema oltre ad essere più leggero perché non ha virus, è più leggero perché non è impedito dall’antivirus che controlla i dati in entrata/uscita #Di questo (non avendo mai usato antivirus efficaci e costosi come Norton o simili) io non me ne ero accorto fino a quando il mio amico Catalin (dopo che gli avevo installato ubuntu 9.04) mi ha detto che trasferiva i file (online e offline) con Linux, perché su windows dovendo l’antivirus controllare i dati ci metteva ~10%-15% in più

Linux non è però meglio di windows o mac, è solo diverso, con dei lati positivi e dei lati negativi…
per fare un esempio concreto, fino alla versione 9.04 di Ubuntu, anche solo per l’installazione e configurazione di base c’era bisogno di qualche nozione per evitare pocci, con l’ultima 9.10 non ho dovuto correggere errori di installazione, ma qualora sorgesse un problema (anche minimo) un utente alle prime armi non saprebbe che pesci pigliare e perciò abbisognerebbe di un utente esperto che sia disponibile in caso di bisogno #Se siete nella mia zona (20km intorno ad Arcade (TV)) posso darvi una mano io… altrimenti chiedete a Ubuntu forums IT

Inutile dire che quando uno entra a far parte di un mondo così bello e aperto alla condivisione assoluta di idee #che bella cosa! fa fatica a tornare in un universo chiuso dove tutto è “buono” solo se è in qualche modo monetizzabile

Scrivendo questo spero di avervi fatto capire almeno in parte il motivo della mia infinita gioia e della mia grande ammirazione per tutto ciò…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: